domenica 10 gennaio 2010

22.3 JAN ŠVANKMAJER_corti [2]

...ed ecco la seconda parte della filmografia completa di Jan Švankmajer:

Cortometraggi [2]
  • il conflitto tra la simulacralità dell’uomo, costretto a soccombere alla feroce vitalità degli oggetti, si evince da "Picknick mit Weissmann" ("Picnic with Weissmann") [1968] e "Zvahlav aneb Saticky Slameného Huberta" ("Jabberwocky") [1971]

  • "Don Sanche" ("Don Juan") [1970]
  • gli omaggi alla letteratura gotico-romantica e orrorifica, da "| Otrantský Zámek" ("Castle of Otranto") [1977], liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Horace Walpole ai poeiani "Kyvadlo, Jáma a Nadeje" ("The Pit, the Pendulum and Hope") [1983] e "Zánik Domu Usheru" ("The Fall of the House of Usher") [1981]; anche se in in ogni opera di Švankmajer è trasfuso ed è palpabile l’influsso di letterati quali Lautréamont e il marchese De Sade.

n.b. da non dimenticare la compagna del regista, Eva Švankmajerová, talentuosa pittrice e sua collaboratrice in numerosi corti nonché lungometraggi quali "Alice" e "Faust".






trame from Alphabet City

4 commenti:

  1. Nell'augurarti buon anno (in ritardo) invito te e i tuoi lettori a votare i migliori film ed interpreti del 2009.

    VOTA I MIGLIORI FILM ED INTERPRETI DEL 2009!

    RispondiElimina
  2. Jabberwocky è sul podio dei miei miti svankmajeriani, continua a stregarmi.
    Non puoi capire l'emozione di vedere rappresentati racconti di Poe dal maestro, due mie passioni unite.
    Kostnice mostra un luogo già "artistico" reso ancora più esplicativo, da seguire con il giusto spirito.

    RispondiElimina
  3. occhio...
    ...i corti poeiani di Svankmajer sono tutti fantastici!!!

    a presto...

    RispondiElimina
  4. Hi, I came across your site and wasn’t able to get an email address to contact you about some broken links on your site. Please email me back and I would be happy to point them out to you.

    Thanks!

    Madison
    maddie0147@gmail.com

    RispondiElimina